LE 7 SPESE “NASCOSTE” DEL MATRIMONIO CIVILE – SECONDA PARTE

Rate this item
(3 votes)

LE 7 SPESE “NASCOSTE” DEL MATRIMONIO CIVILE – SECONDA PARTE

 

Continuiamo la nostra carrellata sulle spese “nascoste” che abbiamo iniziato nel post precedente.

5. Gli spostamenti

Ovviamente quando si deve organizzare un matrimonio bisogna mettere in conto un certo numero di spostamenti e di chilometraggio, perché i servizi sono già tanti e dovrete farne almeno due per ognuno.

Un viaggio è per visionare il negozio o la location ed il secondo è per il contratto o ritiro di quanto acquistato (per gli abiti, il trucco e il parrucco ci sono anche da aggiungere le “prove”).

Sempre travolti dall’euforia rischiate davvero di fare tanti, TROPPI “giri a vuoto” ed ai consumi, non solo in carburante, aumentano molto, soprattutto se abitate in una città trafficata.

Quindi pensate bene prima di muovervi da qualche parte, perché magari potreste risparmiarvi diversi “viaggi” facendovi mandare delle foto, degli esempi o semplicemente parlando al telefono.

Questo, tra l’altro, è un rischio che si abbassa notevolmente se avete un wedding planner, perché vi indirizzerà nei posti più adatti alle vostre esigenze, facendovi risparmiare.

 

6. Le bomboniere

Quando si scelgono le bomboniere si pensa sempre solo all’oggetto in sé.

Invece dovete sapere se qui di “spese nascoste” ce ne sono almeno due:

il costo della confezione, che comprendere nastri, tulle, fiorellini, cuoricini, strass, scatoline, sacchetti ed ogni altro elemento che riguarda la “presentazione” della bomboniera

il costo dei confetti, soprattutto se scegliere il “fai da te”, incide non poco, perché è un prodotto piuttosto caro, come abbiamo visto in un post precedente e varia a seconda della tipologia e della qualità

Anche in questo caso alcuni fornitori di bomboniere includono sia il confezionamento che i confetti, ma, indovina un po’ che dovrai fare?

Esatto: CHIEDERE :)

 

7. I sovrapprezzi

Forse è quello che temi maggiormente: pagare in più rispetto a quanto acquistato.

Qui entra in ballo anche un’altra falsa “credenza” e cioè che se un servizio è “da matrimonio” costa automaticamente di più.

Devi sapere che le cose non stanno proprio così.

Non è che costa di più perché è “per un matrimonio”, ma è il contrario.

Costa di più perché, dato che è “per un matrimonio” il servizio è più accurato, ci sono servizi in più, insomma è qualcosa di diverso.

Ti faccio un esempio: se chiedi un trucco ad una Make-Up Artist, costa “tot”.

Se chiedi un “trucco sposa”, oltre al trucco base “tot” ci saranno, per esempio:

  • l’utilizzo di prodotti con maggiore “tenuta”, perché quel trucco deve durare tutta la giornata

  • saranno necessari più prodotti, sempre per lo stesso motivo della “tenuta”

  • dovranno essere “a prova di emozione”, cioè waterproof

  • i tempi sono quindi più lunghi, di conseguenza più ore di lavoro, etc.

Ecco perché il costo è maggiore: non è lo stesso tipo di trucco!

E questo vale per ogni servizio: perciò fai attenzione se il sovrapprezzo è giustificato o no.

In realtà l’unico sovrapprezzo di cui ti dovrai preoccupare è la percentuale che prendono ALCUNI wedding planner.

Ma la tratteremo in un altro post.

 

7bis La SIAE

Dato che il punto 7 non è una vera e propria spesa nascosta ne aggiungo un altro che fa quasi “arrabbiare” gli sposi.

Questo accade perché siamo abituati a sentire musica ovunque e non ci rendiamo conto che, invece, in modo o nell’altro paghiamo quell’ascolto.

Chiunque possiede un locale o anche un bar dove si ascolta musica, ANCHE IN FILODIFFUSIONE, ANCHE LA RADIO, paga una tassa alla Società Italiana Autori ed Editori.

La musica è una forma d’arte e di creatività.

Così come si paga un vestito creato ad uno stilista, un quadro dipinto, un’opera di artigianato, così si paga la musica.

Come si paga la tassa per lo spostamento dei registri comunali.

Tutto qua.

Un’altra tassa? Ebbene sì, quindi tenetene conto ;)

 

Per concludere questa carrellata sulle principali spese “nascoste”, ti posso dire che ce ne possono essere anche altre, ovviamente, ma per tutelarti in ogni caso non hai che una soluzione: chiedere cosa è compreso e cosa no.

So che magari non sarà simpatico, ma è un modo semplice e sicuro per mantenere il budget che avete prefissato.

 

;)


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.bluesilverevents.com/home/templates/jf_couda/html/com_k2/masonry/item.php on line 260
Read 48 times